Associazione Italiani
Rimpatriati dalla Libia
ONLUS

Chi siamo

L’Associazione Italiani Rimpatriati dalla Libia ONLUS, nata nel 1972, riunisce i 20 mila italiani che, nel luglio 1970, subirono la confisca di tutti i loro beni e furono espulsi dal Paese in cui risiedevano, da Gheddafi appena salito al potere.

Cosa facciamo

L’Associazione opera senza fini di lucro. Finanziata con il solo contributo dei soci, è impegnata nella difesa degli interessi morali e materiali dei rimpatriati e dei loro discendenti. Dal 18 settembre 2015 è iscritta all’Anagrafe delle ONLUS.

Appuntamenti

Destinaci il tuo 5 x 1000

L’Associazione opera senza fini di lucro. Finanziata con il solo contributo dei soci, è impegnata nella difesa degli interessi morali e materiali dei rimpatriati e dei loro discendenti. Dal 18 settembre 2015 è iscritta all’Anagrafe delle ONLUS.

9 6 0 2 0 1 5 0 5 8 5

La vostra firma ci permette di affrontare con più forza le battaglie in favore dei profughi rimpatriati dalla Libia: ringraziamo fin d’ora coloro che vorranno sostenere l’AIRL ONLUS.

La Rivista

N° 3/4-2020

Italiani di Libia

In questo numero:

L’elezione della nuova Presidente Francesca Prina Ricotti e il suo appello ai soci, la Convocazione dell’Assemblea Generale e l’invito ad inviare le candidature per le cariche sociali, la rinascita del cimitero di Hammangi, il ricordo per la scomparsa del Consigliere Giancarlo Consolandi e il resoconto della presentazione su Facebook del libro Profughi di Daniele Lombardi

E ancora: Annamaria Cancellieri e Gianluigi Rossi ci presentano la nuova edizione del libro di Luigi Scoppola I dimenticati, poi Giolitti, Balbo e gli uffici postali in Libia.

Consulta l’archivio

Diventa socio

L’iscrizione all’Airl ONLUS non è limitata agli Italiani di Libia ma è aperta a quanti abbiano una particolare simpatia per le nostre vicende storiche oppure speciali motivazioni culturali e professionali per avvicinarsi alla nostra famiglia, condividendone i valori di base. 

L’iscrizione da diritto a partecipare alle iniziative dell’Associazione, all’abbonamento alla rivista “Italiani di Libia”