Intervista al premier libico nella sua residenza di Tripoli. In una capitale in difficoltà, elettricità col contagocce, code ai distributori di benzina, banche prive di contanti, l’ambasciata italiana ha riaperto i battenti e tre giorni fa è stata sfiorata da un attentato

Pubblicato in Rassegna Stampa