Nonostante la guerra, la mancanza di libri, di borse di studio e l’indifferenza di Roma, otto professori e cento studenti libici continuano a studiare al Dipartimento di Italianistica all’Università di Bengasi colpita dalla guerra.

Pubblicato in Rassegna Stampa