Mercoledì, 06 February 2019 11:46

Tripoli, bel suol d’affari. Per Roma e Parigi

Tutto ruota oggi intorno alle commesse di Fincantieri ed Eni. L’Italia partecipò obtorto collo ai raid aerei contro Gheddafi per tutelare gli impianti del Cane a sei zampe. Tolto di mezzo il rais, la rivalità con la Francia è rimasta legata alle due autorità in conflitto: Serraj e Haftar.

Pubblicato in Rassegna Stampa

Vivo in Canada e ho un coinquilino somalo, emigrato nel Nuovo Mondo nel 1994, quando era bambino. Gli ho chiesto la sua opinione riguardo all’Amministrazione fiduciaria italiana della Somalia tra il 1950 e il 1960, e lui m’ha spiegato che, in base ai suoi ricordi personali e a quanto gli dicevano i suoi parenti, gli italiani si sono comportati «abbastanza bene» durante gli anni di questo protettorato. Ha aggiunto che fecero meglio gli italiani dei britannici, e che i problemi seri iniziarono quando gli europei lasciarono la Somalia al suo destino. È d’accordo con queste parole? Che cosa fu di preciso l’amministrazione fiduciaria italiana della Somalia?Davide Chicco , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Rassegna Stampa