Sabato, 12 December 2015 15:06

In Libia un bottino miliardario per l'Isis

Written by Alberto Negri
Vota questo articolo
(0 Voti)

Se lo misurassimo solo in termini economici il bottino in Libia per il Califfato sarebbe assai maggiore che nel Siraq: 130 miliardi di dollari subito e tre-quattro volte tanto nel caso che un ipotetico (ma non troppo) stato islamico tornasse a esportare gas e oro nero come ai tempi di Gheddafi. Sono stime che sommano la produzione di petrolio con le riserve della Banca centrale e il tesoro del Fondo sovrano libico.

Il bottino è così alto che per impadronirsene le fazioni libiche finora non si erano mai messe d'accordo: soltanto il timore che possa metterci le mani l'Isis adesso spinge i due governi rivali, Tobruk e Tripoli, a firmare il 16 dicembre un'intesa per un governo di unità nazionale, come annunciato dall'inviato dell'Onu Martin Kobler. Ma la Russia alza già la sbarra a soluzioni che ritiene ambigue e illegali.   

È anche per questo che domani la Conferenza di Roma sulla Libia con i russi e gli americani è così carica di attese: qui si possono liberare alcune delle più importanti risorse energetiche dell'Africa, il 38% del petrolio del continente, l'11% dei consumi europei di carburante: e per ora a estrarre greggio e gas è soltanto l'Eni, lanciata dall'amministratore delegato De Scalzi sull'asse Sud-Nord. Difficile che le potenze occidentali, ma anche gli Stati del Golfo e l'Egitto, lascino all'Italia, già collegata con il Greenstream, il controllo di questa cassaforte dell'energia con la sua comoda pompa di benzina sulla sponda Sud. Più il petrolio scende di quotazione e più si fa dura la lotta per la concorrenza e i flussi destinati ai Paesi consumatori.

Non illudiamoci che la diplomazia elargisca regali: per tenere le posizioni e recuperare le perdite accusate con la caduta di Gheddafi nel 2011 - 5 miliardi di appalti e commesse - l'Italia dovrà forse mettere il piede a terra, anche soltanto con una missione civile e di addestramento truppe. Naturalmente se lo vorranno gli stessi libici e con assoluta chiarezza di mandato.

Le potenze occidentali finora hanno considerato l'ex colonia come un poligono petrolifero: nel 2011 la Francia, facendo infuriare Mosca, diede il via ai raid contro il raìs libico sorvolando lo spazio aereo italiano senza neppure fare una telefonata e i nostri accordi con Gheddafi, firmati sei mesi prima, diventarono in poche ore carta straccia. L'aiuto militare ai ribelli di Bengasi aveva il profumo inebriante dell'oro nero: il presidente Nicolas Sarkozy, pur di competere con l'Italia, aveva promesso a Gheddafi le ambite centrali nucleari ma il raìs non gli aveva neppure risposto.

Questa è in prospettiva la partita libica che con l'accordo possibile tra i due governi diventa subito scottante. Non è un caso che a Roma il ministro degli Esteri Serghej Lavrov abbia messo le mani avanti: «L'Isis esagera le informazioni sulla sua espansione in Libia per mantenere un'immagine ideologica utile a reclutamento jihadisti».

La realtà è un po' diversa dopo il blitz dell'Isis a Sabrata nell'Ovest tripolino e l'avanzata a Est in Cirenaica verso Agedabia. La Russia ufficialmente non ha preso in considerazione i raid «perché non c'è stata alcuna richiesta da parte del governo libico». Ma i russi sanno perfettamente che non ci sarebbe neppure bisogno di una risoluzione Onu: un eventuale governo di unità nazionale, ammesso che funzioni davvero, può chiedere subito l'intervento dell'EunavFor, con quartier generale a Roma, che ha come obiettivo la caccia ai trafficanti di uomini ma non esclude azioni militari sulla costa. Flotte di droni ma anche caccia francesi e americani già da tempo volano lungo la via Balbia e le coste basse della Sirte, uno sciame che fa presagire qualcosa di più di semplici missioni di routine.

Ma ancora più irritanti dei litigi libici sono le trame delle potenze arabe e musulmane. Questi sono «i pompieri incendiari» che dicono di voler stabilizzare il Paese e sponsorizzano le loro fazioni favorite: l'Egitto, pur alleato dell'Italia, manovra in Cirenaica con il generale Khalifa Haftar, il Qatar seduce con dollari sonanti gli islamisti più radicali di Tripoli, gli Emirati, anche loro tra i nostri clienti importanti, si sono persino comprati il precedente mediatore dell'Onu Bernardino Leòn per appoggiare Tobruk; senza contare la Turchia, che dalla Siria ha rispedito i jihadisti libici a fare la guerra santa in casa dove alla Sirte si sono alleati con gli ex gheddafiani, alla stessa stregua di quanto accaduto con l'accordo tra il Califfato e gli ufficiali baathisti iracheni. Attirati nella trappola dell'Isis questi apprendisti stregoni non si fermano, sicuri che cederemo sempre al fascino dei loro petrodollari.

Additional Info

  • Testata giornalistica: Il Sole 24 ore
Read 462 times