Giovedì, 02 May 2019 12:39

Il Gheddafi che io ho conosciuto

Written by Valentino Parlato
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il legame di Valentino Parlato con la Libia non è stato solo per nascita o per gli anni giovanili di formazione, è durato fino alla fine, prima e dopo il Colonnello.

Da Il Manifesto del 21 novembre 2011 

Di Valentino Parlato

Sono molto legato alla Libia ( e un po’ lo ero anche a Gheddafi) perché ci sono nato, lì c’è stata la mia prima formazione politica e diventai comunista (clandestino, governava l’amministrazione militare britannica). E fu in Libia che entrai nell’Associazione per il Progresso della Libia di cui facevano parte compagni più anziani, come Cibelli, Prestipino, Caruso, Manzani, i fratelli Russo e altri ancora. Il combinato disposto dell’associazione per l’indipendenza della Libia e la clandestinità comunista, nel dicembre del 1951 determinarono l’arresto e l’espulsione dalla Libia mia e di un po’ di altri compagni. Questo passato provocò, nel 1998, l’invito da parte del governo libico a un soggiorno in Libia per me e mia moglie. Rivedere la Libia, Tripoli, la mia casa, la mia scuola, i bar fu per me straordinario, ma lavorando al manifesto chiesi, e ottenni abbastanza rapidamente, un’intervista a Muammar Gheddafi. Per l’intervista (il 5 dicembre 1998) dovetti fare un lungo viaggio a Sirte, l’ultimo caposaldo della resistenza dove Gheddafi è stato ucciso. Altri tempi. L’incontro e l’intervista furono molto interessanti. Mi colpì innanzitutto la sua passione per Rousseau, dal quale derivava la sia posizione per la democrazia diretta e i comitati del popolo, che però (povero Rousseau) produsse un po’ di confusione, una inconsistenza delle strutture statali e un Gheddafi (sono le sue parole) che era un po’ come la regina d’Inghilterra, però comandava. Ed è mia impressione che questo comando nel corso del tempo si sia deteriorato. In quell’intervista Gheddafi sottolineò l’importanza di aprire buoni rapporti con l’Italia e con l’unione europea, anche per contenere il potere degli Usa. Si parlò anche di un suo scritto Il comunismo è veramente morto?, dove dubitava di questo decesso. In quell’occasione girai per Tripoli e mi parve di registrare una sorta di welfare petrolifero: non c’erano bidonville, non eri assalito dai mendicanti, anzi non c’erano. Apprendevi dell’esistenza di una efficace assistenza sanitaria e di buon sistema scolastico, a giudicare almeno dal numero di laureati che incontrai. I buoni rapporti con la Libia di Gheddafi sono continuati e ho fatto anche la prefazione al volumetto Fuga all’inferno, dove scrive che, in questo mondo, per trovare un po’ di pace bisogna fuggire all’inferno. Invero non troppo ottimistico sullo stato delle cose esistenti. Oggi siamo all’epilogo. Nella sua Sirte, Gheddafi è stato catturato e ucciso. Lasciarlo vivere, ancorché prigioniero, sarebbe stato evidentemente un problema. Che dire, ora, a caldo, di questo esito? La prima considerazione è che ci sono voluti otto mesi di guerra e bombardamenti. Nato a catena per abbattere il tiranno, che evidentemente aveva più di un sostegno nella popolazione libica. In secondo luogo, viene da ripetere che lo stile è l’uomo. Gheddafi, come tanti altri capi arabi, poteva fuggire in qualche paese africano e starsene tranquillo e benestante. Invece è rimasto e ha accettato di morire sul campo, di restare testimone della sua linea e della sua lotta. E qui mi viene da aggiungere, sorprendentemente d’accordo con Berlusconi, “sic transit gloria mundi”. Gheddafi fino a otto mesi da era accolto e onorato in tante capitali, ricorso soprattutto l’accoglienza di Sarcozy a Parigi e quella straordinaria a Roma, con la manifestazione di cavalleria e anche (visto in tv) il bacio di Berlusconi. Pur considerando tutti i limiti e gli errori di Gheddafi, la sua caduta – sempre a mio parere – segna la sepoltura delle primavere arabe e un nuovo inizio di un intervento coloniale delle potenze occidentali in Africa, e non credo si possano riporre molte sperane negli ex gheddafiani che dovrebbero costituire il nuovo governo della Libia.

L’INTERVISTA – Dicembre 1998 nella tenda a Sirte

Il 5 dicembre 1998 “il manifesto” pubblicò a doppia pagina un’importante intervista a Gheddafi. Come racconta in questo articolo, Valentino la realizzò in modo piuttosto semplice, utilizzando le sue armi migliori: l’arguzia e la curiosità. L’incontro avvenne in una tenda a Sirte, la stessa città dove il “leader” (così lo chiamano in Libia) è stato ucciso il 20 ottobre del 2011. Già dal titolo quell’incontro era una dichiarazione di intenti: “L’altra riva dell’Europa, intervista a Gheddafi”. Erano gli anni immediatamente successivi all’attentato di Lockerbie, e la Libia era ancora molto isolata dalla comunità internazionale. Tra l’altro, proprio in quei giorni l’Italia era al centro dello scenario internazionale per la vicenda del leader curdo Ocalan, che il governo di centrosinistra riconsegnò in modo più o meno volontario alle autorità turche, dalle quali ancora oggi è imprigionato. All’epoca, Gheddafi cercava una sponda politica nell’Italia e non nascose al “manifesto” il suo apprezzamento per il governo di centrosinistra (il primo dell’Ulivo, a guida Prodi).

Additional Info

  • Testata giornalistica: Il Manifesto
Read 84 times