Giovedì, 24 January 2019 14:43

L’EMEROTECA AIRL: CENTO ANNI DI STAMPA TRA ITALIA E LIBIA IN DIGITALE

Written by

Sabato 26 gennaio 2019 alle ore 10,30 presso la Sala Multimediale del Museo Civico “Duilio Cambellotti” di Latina verrà presentato il progetto “L’emeroteca AIRL: un secolo di giornali tra Italia e Libia”, realizzato con il contributo della Regione Lazio e il Patrocinio del Comune di Latina.

Digitalizzare migliaia di pagine tra giornali e riviste d’epoca - dal 1911 ai giorni nostri -, oltre all’indubbio valore pratico di una consultazione più efficiente e veloce, possiede un elemento storico-culturale essenziale, quello della trasmissione della memoria di una comunità le cui vicende personali si intersecano strettamente con le ben più autorevoli relazioni tra Italia e Libia: una memoria che si tramanda oltretutto attraverso i più moderni device.“Questa iniziativa, al di là dell’interesse culturale, ha il merito di rendere fruibile a chiunque pezzi di storia riportati su quotidiani e riviste che altrimenti potrebbero essere consultati solo dagli addetti ai lavori – afferma Giovanna Ortu, presidente di AIRL Onlus - Da parte nostra è un grande impegno che affrontiamo con entusiasmo, pur nella ristrettezza dei tempi imposti dalle procedure amministrative”.Diecimila articoli, cinquanta faldoni, stampati in Libia e in Italia, in lingua italiana ma anche, parzialmente, in arabo, inglese e francese; una collezione dinamica che si arricchirà nel tempo con ulteriori apporti e in grado di coprire non un singolo argomento ma di scandagliare ogni settore. Questa è l’emeroteca AIRL Onlus, da oggi in digitale, parte di un programma ambizioso e difficile, ma che renderà l’Associazione un punto fermo nell’ambito della ricerca storica, scientifica, politica e culturale sui rapporti tra Italia e Libia.

Contatti:

Giovanna Ortu - Presidente AIRL Onlus: cell. 389/6981892

Daniele Lombardi – Ufficio Stampa AIRL Onlus: cell. 334/3109598

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Read 132 times